Quando ti vidi mi innamorai e tu sorridesti perchè lo sapevi.
-William

3 ottobre 2010

_La dama dello specchio


Ero ancora davanti a quello specchio.
Avevo sempre la tentazione di toccarlo con la punto dal dito indice.
Come se fosse stato una calamita.
Ma non l’avevo mai fatto.
Però ora lo feci.
Lo toccai, ed apparvero come mille onde sulla sua superficie.
Spaventata e scossa da tutto ciò ritrassi immediatamente il dito.
E tutto scomparve.
Fui tentata di farlo di nuovo.
Lo toccai, questa volta non accadde niente.
Continuavo a osservare la mia punta del dito a contatto con la fredda superficie dello specchio che non mi accorsi di cosa accadeva intorno a me.
Anzi no, meglio.
Cosa accadeva nell’immagine nello specchio.
Qualcosa, forse il mio occhio notò un cambiamento.
Così il mio cervello mi diete l’impulso di girarmi verso quella, che doveva esser la mia immagine.
Ma non era la mia.
C’era una ragazza.
Pallida e candida come la neve, occhi rossi pieni d’odio, i capelli erano castani o neri non si capiva, erano sporchi e spettinati. Come se non fossero mai stati lavati.
La bocca era in una specie di sorriso volto a metà a creare un ghigno e metà a creare una smorfia di dolore. Era come se fosse cucita. Come se non potesse uscire alcun suono.
Era vestita di stracci.
Poi ritornai al viso, senza parole ero spaventata, ma non so perché il dito era come incollato allo specchio.
Il viso pallido, di quell’essere.
Aveva dei rigoli di sangue, scendevano da un taglio che, forse, portava sulla nuca.
Ma la cosa a spaventarmi fu il lungo taglio che portava sul collo.
Lungo profondo, ma non usciva più sangue.
Come se fosse vecchio.
Fu quello a spaventarmi.
E riuscii finalmente a togliere il dito dallo specchio.
Mi sentivo fredda e incominciai a tremare.
Quando sentii un lamento, di dolore.
E corsi in cucina, da dove pareva esso arrivava.

E così cominciò l’incubo peggiore della mia vita.

5 commenti:

  1. dimmi che ci fai il seguito ti prego...
    mi ha messo addosso una dose di paura mica male...scritto divinamente o.o

    RispondiElimina
  2. Bello! Mi ricorda molto alcuni sogni che faccio... farai la continuazione, vero? Sono curiosa :)

    RispondiElimina
  3. Kyacchan e Bitterhoney beh si..ho in mente il seguito, questa sarebbe una specie di prefazione. L'inizio di un libro. :)
    Per la precisione il mio secondo libro.
    Il primo è in fase di costruzione.
    Però ho deciso che d'ora in poi i racconti li pubblicherò sull'altro blog, in modo da avere questo blog per altre cose :)

    RispondiElimina
  4. Chissà se pure Stephen King ha iniziato a scrivere così da adolescente! ;)

    RispondiElimina
  5. Io sono solo una cellula si Stephen King! Lui è.. un genio. Per descriverlo con una parola terra terra.

    RispondiElimina

Pensieri